13/14/16 dicembre: nuovi appuntamenti del festival dedicato a Maurizio Speranza

Serena Abrami

Martedì 13 dicembre, alle 21, vi aspettiamo al teatro Lauro Rossi con lo spettacolo “In punta di voce”, una serata imperdibile e piena di emozioni sulle note di Tenco e Conte.

Serena Abrami rende omaggio a Luigi Tenco, accompagnata dai musicisti Mauro Rosati e Nazzareno Zacconi. Ad aprire lo spettacolo, Wando e i Ruggero Urlando interpretano Paolo Conte. Parteciperà anche Marco Di Stefano, ideatore, insieme a Tanya Khabarova, del Teatro della Comunità.

Serena Abrami è una cantante e cantautrice marchigiana, quarto posto della “Sezione Giovani” del Festival di Sanremo 2011 con il brano Lontano da tutto”, firmato da Niccolò Fabi e contenuto nell’ep “Lontano da tutto” (etichetta Emi), premiato al “Premio Lunezia 2011” con menzione speciale.

Nell’album ci sono un brano scritto per lei da Ivano Fossati, brani di cui Serena è coautrice per testi e musiche assieme al pianista Mauro Rosati, la collaborazione con Max Gazzè e la presenza di musicisti di calibro tra cui Ferruccio Spinetti (Musica Nuda, Avion Travel, Stefano Bollani), Lillo Fossati (Ivano Fossati, O. Vanoni, Riccardo Tesi), Davide Ferrario (F. Battiato, Gianna Nannini) e Pietro Cantarelli (produttore di Serena e di tutti gli ultimi lavori di Ivano Fossati).  Il videoclip di “Lontano da tutto” è stato girato da Rocco Papaleo, con la partecipazione dell’attore Paolo Briguglia ed è inserito in un cortometraggio omonimo premiato nel Festival del cinema di Cosenza “Notti di cinema 2011″.

Ad accompagnarla il pianoforte di Mauro Rosati, autore e compositore, e la chitarra del maestro Nazzareno Zacconi, collaboratore di importanti musicisti italiani e la voce narrante di Pamela Olivieri, attrice e autrice. Il palco diventa un piccolo e sentito omaggio alla creazione poetica e musicale del cantautore Luigi Tenco, un artista fuori dal coro.

Wando e i Ruggero Urlando, dopo aver omaggiato a lungo il genio e la sregolatezza di Fred Buscaglione e la fantasia parte-nopea e parte-americana di Carosone, apriranno lo spettacolo con un omaggio a Paolo Conte. Amleto Caterbetti, la vera anima della band, con i nuovi musici della Piccola Orchestra Italiana, reinterpreta con la sua voce e il suo stile , ma con grande rispetto delle raffinate idee musicali del maestro, le più significative composizioni dell’avvocato di Asti.

Mercoledì 14 dicembre, spazio alla poesia con “Per molti versi”, alle 18 nei locali della biblioteca Mozzi-Borgetti, un susseguirsi di versi liberamente proposti. Per partecipare e leggere i propri versi, scrivere a anmic.macerata@email.it o telefonare al 348 3305520 (Marco Di Stefano), 329 5734024 (Maria Perillo) o 0733 35366 (Anmic).

Venerdì 16 dicembre, alle 21, al Teatro Lauro Rossi, andrà in scena l’atteso spettacolo del Teatro della Comunità, un progetto di Marco di Stefano e Tanya Khabarova con le musiche di Antonio Ferdinando Di Stefano e Sebastiano Sacchetti e la  partecipazione di Francesca Tasini, Serena Abrami e Fabio Capponi.

Si tratta di uno spettacolo scritto, diretto e interpretato dai cittadini. Persone comuni si improvvisano scenografi, registi ed attori in un’esperienza di teatro civile e sociale diventata una ragione di vita per i due ideatori. Un luogo di incontro aperto a tutti, dove vivere intensamente quindici giorni di prove durante le quali prenderà forma la storia che i partecipanti sentiranno loro e che costruiranno insieme a noi con un attento lavoro sul corpo, sullo spazio, sulla memoria emotiva, sui sogni e desideri di trasformazione di ognuno. Un teatro sociale partecipato, il teatro della comunità, dove l’agorà è una cosa viva a portata di tutti. Una possibilità di comunicare meglio tra noi attraverso il linguaggio teatrale, una proposta tesa a rimettere in gioco il cittadino, tesa a riscoprire l’arte del dialogo, dell’ascolto, in una società urlata, una voce diversa, alla ricerca dell’accordo, dell’armonia, e anche del contrappunto, ma nel rispetto e comprensione reciproca.

Il Teatro della Comunità rappresenta il cuore del progetto: oltre settanta le produzioni di Teatro della Comunità finora realizzate in diciotto paesi del mondo, a partire dal Festival di Amandola del 1984.

 INGRESSO LIBERO. PRENOTAZIONI AL 0733 230735 (Biglietteria dei Teatri – piazza Mazzini – Macerata).

Salva nei preferiti il permalink. Commenti disabilitati

Commenti disabilitati.