Torna in scena “Il progetto di Bach e Mozart”

Sabato 17 dicembre, torna in scena all’Itas Matteo Ricci, per gli studenti dell’istituto professionale “Pannaggi” e alcune classi dell’I.T.G. “A. D. Bramante, “Il progetto di Bach e Mozart”, un testo di Adriano Vianello sulla ribellione, ultima e insopprimibile risorsa per ogni uomo che voglia, anche in condizioni disperate, cambiare la condizione della propria vita.

E’ la storia di due uomini internati in una clinica psichiatrica, che hanno arbitrariamente preso i nomi di Bach e Mozart e che da anni hanno dedicato la loro vita alla realizzazione di un folle e metafisico progetto: Bach, da sempre costretto su una sedia a rotelle, vuole trasformarsi in un dio, Mozart vuole trasformarsi in una donna, per poi volare insieme in cielo. E’ l’impossibilità a realizzare un simile sogno e l’ostinazione con la quale i due uomini lo perseguono a destare l’interesse dei medici e a creare una fortissima tensione che culminerà in un doppio finale a sorpresa.

Rappresentato per la prima volta nel giugno del 2004 al Teatro Vascello di Roma, lo spettacolo, negli ultimi anni, è stato invitato a diversi festival e rassegne riscuotendo ovunque grande successo. Vianello, dedicatosi agli studi classici e alla successiva laurea in filosofia, mosso da infinito entusiasmo e passione per il teatro, ha concepito e diretto numerose opere ed è diventato uno stimato autore di testi di trasmissioni televisione Rai. La sua più matura realizzazione è rappresentata proprio da Il progetto di Bach e Mozart (regia Adriano Vianello e Donatella Massimilla, con Romeo Martel, Marco Di Stefano e Tanya Khabarova, musiche di Antonio Ferdinando Di Stefano, audio e luci Alessandro Bianchi), che lo ha portato alla vittoria ex-aequo del “Premio IDI” nel 1997.

Ad Adriano Vianello è stata dedicata l’edizione 2009 del festival “Così vicino così lontano”.

 

Salva nei preferiti il permalink. Commenti disabilitati

Commenti disabilitati.