Flash mob e teatro della comunità a Pisa / da “La Nazione”

 

teatro

Pisa, 27 maggio 2013 – Doppio appuntamento con il Teatro della Comunità. Un’occasione per far tornare a vivere il quartiere della stazione. La data è venerdì 31 maggio: prima un flash mob aperto a tutti organizzato da Mondostazione, Dopolavoro Ferroviario e Comune di Pisa. I partecipanti saranno diretti dal regista e attore Marco di Stefano e Tanya Khabarova (i movimenti saranno alla portata di tutti… si consigliano vestiti comodi!).

All’azione parteciperanno la troupe del Cineclub Arsenale e il coro della Filarmonica Pisana che eseguirà alcuni brani. Il ritrovo è nei pressi della fontana all’entrata della stazione di Pisa Centrale, alle ore 18.

Al termine dell’azione, a partire dalle 20.30, ci sarà il primo incontro che darà il via al Teatro della Comunità, seconda edizione: in un periodo di 15 giorni (dal 31 maggio al 15 giugno, data dello spettacolo finale al Cinema Teatro Nuovo), tutti coloro che lo desiderano potranno prendere parte al progetto, scrivendo dirigendo e interpretando uno spettacolo teatrale vero e proprio. Sarà una sorta di happening internazionale, multietnico e multiculturale.

Le lezioni si terranno per 15 sere dalle 20.30 alle 23.30 al dopoloavoro ferroviario (partecipazione gratuita, www.teatrodellacomunita.com).

Il teatro della comunità è un progetto unico nel suo genere, creato nel 1983 da Marco Di Stefano e Brigitte Christensen quale frutto delle esperienze più diverse attraversate dai due artisti: il sociale in Danimarca, il grande ispiratore di intere generazioni Jerzy Grotowskj, il lavoro di Eugenio Barba e dell’Odin Teatret e i numerosi artisti incontrati nei festival dove i due attori si trovavano a lavorare. La prima intuizione è stata quella di coinvolgere i cittadini in una forma di teatro partecipato, fatto al momento, dove il pubblico diventa vero protagonista”.

( da http://www.lanazione.it/pisa/cronaca/2013/05/27/894920-flash_teatro.shtml )

Salva nei preferiti il permalink. Commenti disabilitati

Commenti disabilitati.