ATTO XI / COSI’ VICINO COSI’ LONTANO / MACERATA

 

Mario Squarcia

Credere è una bella cosa, ma mettere in atto le cose in cui si crede è una prova di forza. Sono molti coloro che parlano come il fragore del mare, ma la loro vita è poco profonda e stagnante come una putrida palude. Sono molti coloro che levano il capo al di sopra delle cime delle montagne, ma il loro spirito rimane addormentato nell’oscurità delle caverne. (Kahlil Gibran)

Crediamo che tutti gli uomini e tutte le donne, spesso “così lontani”, possano diventare “così vicini”.

Crediamo che ognuno di noi sia un incredibile portatore di talento. Crediamo che la diversità sia meravigliosa. Crediamo in uno spazio, in un palco, in una piazza dove tutti si sentano uguali e liberi di esprimersi. Crediamo nella cultura, quella aperta e vissuta, nel teatro sociale, nelle persone comuni.

L’11, il 12 e 13 dicembre Macerata ospita tutto quello in cui crediamo: l’undicesima edizione del festival “Così vicino così lontano Macer/azione Atto XI”.

 

L’edizione di quest’anno sarà dedicata al nostro caro amico, il “poeta dei Sibillini”, Mario Squarcia, scomparso recentemente nella sua Amandola, paese che ha ospitato diciannove indimenticabili edizioni del Teatro della Comunità, evento centrale di questo festival.

Gli appuntamenti abbracciano tanti e diversi aspetti dell’arte: dal teatro alla danza, dalla letteratura alla musica, con appuntamenti di notevole spessore. Il festival, come sempre affidato alla direzione artistica dell’attore e regista di cinema e teatro Marco Di Stefano e della danzatrice e coreografa Tanya Khabarova, è organizzato dall’Anmic Macerata, associazione che si occupa di persone diversamente abili.

Quest’anno il festival ha una novità: il teatro nelle case a cura di Di Stefano, la Khabarova e l’artista Yael Karavan.

 L’immagine simbolo del Festival è il quadro del noto pittore russo Gennadii Gogoliuk “Samara, granchi rossi”, donato dall’artista al Comune di Macerata e che tutti possono ammirare nel foyer del Teatro Lauro Rossi. Un quadro realizzato sul palcoscenico durante l’emozionante Teatro della Comunità del 2008, mentre la Khabarova danzava sulle note del compositore e pianista Mauro Grossi.

Tutti gli appuntamenti: http://www.teatrodellacomunita.com/wordpress/programma-2011/

 

Salva nei preferiti il permalink. Commenti disabilitati

Commenti disabilitati.