Chi siamo

Teatro della Comunità

È la forma teatrale creata da Marco Di Stefano e Brigitte Christensen all’inizio degli anni Ottanta, e che subito si è identificata nel teatro di ricerca di quegli anni, arricchita dall’esperienza di nuove e antiche forme di comunicazione.
Il primo esperimento di Teatro della Comunità è stato anche il pretesto per la nascita del “Festival Internazionale del Teatro” di Amandola, divenuto anno dopo anno un punto di riferimento per artisti e pubblico, un’occasione per sperimentare nuovi modi di comunicazione.
La conclusione “naturale” del festival di Amandola, dopo sedici indimenticabili edizioni, spinge Di Stefano, insieme alla danzatrice e coreografa Tanya Khabarova, a divulgare questa forma teatrale in numerosi Paesi europei e non solo.
Il Teatro della Comunità è un teatro voluto e fatto dalla gente comune, dal pubblico, il quale ha finalmente la possibilità di far sentire la propria voce; è un teatro che recupera la sua funzione sociale, politica e culturale.
Il Teatro della Comunità è un incontro tra generazioni, dove persone comuni danno vita ad uno spettacolo in cui sono loro i veri protagonisti, nei ruoli di attori, registi e scenografi.
Quando è possibile, lo spettacolo viene realizzato nel teatro principale della città, o in altri luoghi di quartiere, per aprire alla comunità spazi – spesso poco utilizzati – di riunione, di riflessione, di confronto.

Marco Di Stefano organizza incontri dove chiunque può partecipare, poi si va avanti con prove, scambi di idee e proposte. Tutti insieme, fino al debutto. Il divertimento e il successo sono assicurati. Lo testimoniano le 80 produzioni di Teatro della Comunità in 18 Paesi nel mondo (iniziate nel 1984 al Festival di Amandola).
È il teatro come polis (città), agorà (piazza), dove la nostalgia delle cose perdute, i frammenti di storia della nostra memoria si mescolano attraverso le differenti età dei partecipanti, s’intrecciano al racconto del presente e si proiettano verso il bisogno del futuro. È il teatro che può appartenere ad ognuno di noi.

Il progetto è ben radicato nelle Marche. La città di Macerata, infatti, ha accolto questa forma di teatro con grande entusiasmo, tanto da far nascere il progetto “Così vicino così lontano – Macer/azione”. Nel 2002 è iniziata una collaborazione stabile con l’ANMIC Macerata, associazione che si occupa di persone disabili e che le ha portate a partecipare al Teatro della Comunità.
Un’iniziativa importante perché, trattandosi di comunità, il teatro deve dare spazio a tutti. Il riconoscimento per questo lavoro è dato anche dal fatto che, da tre anni, le Compagnie Teatrali Riunite di Macerata hanno inserito il Teatro della Comunità nella rassegna teatrale “Angelo Perugini”. Il progetto è stato esteso anche alla città di Civitanova Marche.

Un grazie particolare va al Comune di Macerata e alla Provincia di Macerata, che hanno reso possibile questo progetto sostenendolo economicamente, e alla Fondazione Carima per il suo contributo.

Foto di Marco Di Stefano

Marco Di Stefano

Marco Di Stefano
Direttore artistico Teatro della Comunità

Marco Di Stefano è attore e regista di cinema e teatro, da oltre 25 anni nei circuiti del teatro internazionale. È anche docente di teatro e comunicazione, con i suoi laboratori “Acqua, terra, aria, fuoco” per la Y.P.O. (Young President Organization) di Dallas (Texas) e docente di cinema dal 1993 presso lo European Film Collage (Danimarca). Ha registrato programmi di poesie e racconti per la radio e la televisone. Suona la tromba.
Importanti per la sua formazione professionale sono stati gli incontri con Jerzy Grotowsky e Richard Ciezlak del Teatro Laboratorium (Polonia), L’Odin Teatret di Eugenio Barba, la danza balinese, il Living Theatre, il Kaskade teatret con Brigitte Christensen, Romano Colombaioni, e molti artisti della scena internazionale, tra i quali Tanya Khabarova, danzatrice e coreografa, eclettica artista, co-fondatrice dei Derevo. Di Stefano ha lavorato con Bolognini, Luchetti, Altman, Ullman, Lars von Trier. Tra i suoi film, l’ultima interpretazione è quella ne “L’Eremita” (2012), per la regia di Al Festa, vincitore del Fanta Festival 2012.

Marco Di Stefano è il fondatore del Festival di Amandola, di cui è stato direttore artistico per 19 edizioni. Dirige il Teatro della Comunità con Tanya Khabarova: oltre 80 le produzioni finora realizzate, in 18 paesi del mondo.

Foto di Tanya Khabarova

Tanya Khabarova

Tanya Khabarova

Tanya Khabarova è nata a Svetogorsk, San Pietroburgo (Russia).
Dopo aver studiato il violino, ha frequentato la Scuola delle arti al Palazzo per le Giovani Generazioni di San Pietroburgo, in una classe sperimentale condotta da Anton Adassinskiy.
Nel 1988, diventa co-fondatrice e membro dei DEREVO, gruppo di teatro-danza diretto da Anton Adassinskiy.
Come danzatrice e attrice dei DEREVO è impegnata in spettacoli rappresentati in tutto il mondo.
Ha collaborato alla realizzazione del Festival Internazionale di teatro e danza (Amandola). Dirige il Teatro della Comunità insieme a Marco Di Stefano e il festival “Cosi vicino cosi lontano” a Macerata.
Partecipa come attrice a spettacoli e produzioni cinematografiche. Vincitrice di numerosi riconoscimenti internazionali e otto volte vincitrice del festival internazionale di Edimburgo per miglior spettacolo.

Tra i tanti spettacoli di Tanya, grandissimo successo ha riscosso “Reflection”  ( http://www.youtube.com/watch?v=4nGnpt4X7zc ) .

 Alessandro Bianchi

Direzione tecnica per il Teatro della Comunità dal 2005. Light designer, direttore della fotografia, libero professionista in ambito della comunicazione e dello spettacolo.

Contatti: 328 1531130 / fivelabsolutions@gmail.com

Anmic Macerata

L’ANMIC è l’associazione nazionale mutilati e invalidi civili. L’Associazione tutela le persone disabili in ogni loro necessità ed interviene presso le istituzioni pubbliche per impegnarle ad attuare gli obblighi civili e sociali assunti nei loro confronti.
L’Anmic Macerata ha da sempre affiancato Marco Di Stefano nella realizzazione del Teatro della Comunità in città, attraverso l’impegno e l’attenzione della presidente Anna Menghi.
Ad appoggiare il Teatro della Comunità, oltre al Comune e alla Provincia di Macerata, ci sono anche molte associazioni. Tra queste: UIC (Unione Italiana Ciechi), ENS (Ente Nazionale Sordomuti), ANMIL (Associazione Nazionale Mutilati e Invalidi del Lavoro), UNMS (Unione Nazionale Mutilati e Invalidi per Servizio, con cui l’Anmic costituisce la FAND – Federazione Associazioni Nazionali Disabili), ANFFAS, I nuovi amici e Avulss.

È importante la collaborazione con tutte le associazioni che rappresentano persone portatrici di handicap, nella convinzione che se la solidarietà non viene messa in pratica concretamente è difficile poi pretenderla dagli altri. Una collaborazione destinata ad allargarsi a tantissime altre realtà, non solo riguardanti le persone disabili, in modo che questa esperienza possa estendersi a sempre di più, consentendo a tantissimi uomini e donne di fare qualcosa di utile nell’ambito della propria formazione. Un valore aggiunto di questa forma teatrale è sicuramente la possibilità di creare un dialogo e un’azione comune tra persone portatrici di particolari necessità e altre persone.

Commenti disabilitati.